Sidebar

 
Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Persian Portuguese Russian Spanish Turkish Ukrainian

Smart AgriFood, le principali soluzioni sul mercato

L’innovazione digitale sta cambiando il volto di uno dei comparti fondamentali del Made in Italy: l’agroalimentare. I campi e gli allevamenti, come anche le industrie della trasformazione primaria, stanno diventando veri e propri laboratori dove sperimentare le potenzialità della digital transformation.

Agricoltura di precisione, soluzioni per il monitoraggio degli allevamenti, tecnologie per la tracciabilità, sistemi per la dematerializzazione documentale: questi sono alcuni esempi di quello che possiamo definire “Smart AgriFood”, ovvero l’applicazione delle tecnologie digitali nel settore agroalimentare finalizzate al miglioramento dell’efficienza produttiva, dell’efficacia di mercato e della sostenibilità ambientale delle produzioni alimentari.

Read more: Smart AgriFood, le principali soluzioni sul mercato

L’Internet of Things per le infrastrutture di pubblica utilità. Come accelerare lo sviluppo?

Smart cities e la P.A. 4.0

In Italia, tanti sono ancora gli ostacoli che impediscono un pieno sviluppo di un ecosistema IoT per le infrastrutture pubbliche in particolare per favorire uno sviluppo nella direzione della PA 4.0.

Alla base di tutte le incertezze, c'è proprio quella sulle infrastrutture di rete: il mercato offre numerose alternative per la comunicazione degli oggetti intelligenti, sia a banda larga che a banda stretta.

Read more: L’Internet of Things per le infrastrutture di pubblica utilità. Come accelerare lo sviluppo?

Quanto può valere l'economia circolare

L’economia circolare è un modello che pone al centro la sostenibilità del sistema produttivo.

Non c’è alcuno scarto, le materie sono continuamente riutilizzate. La scarsità delle materie prime e l’eccesso di rimanenze non sono solo un’emergenza morale, ma rappresentano l’opportunità per il superamento del modello lineare (scavare, confezionare, consumare e buttare). Inoltre, la popolazione mondiale cresce a ritmi impressionanti: entro il 2030 circa 3 miliardi di nuovi consumatori spingeranno la domanda di beni e servizi a livelli attualmente insostenibili.
Read more: Quanto può valere l'economia circolare

L'e-commerce in Italia, tra ritardi e potenzialità

Acquistare e vendere beni e servizi tramite internet è divenuta oramai una pratica di uso comune in molti paesi, meno che in Italia, dove l’e-commerce rimane poco diffuso. Come emerge dalle rilevazioni Eurostat relative al 2015, il valore del commercio elettronico business-to-consumer (cioè tra imprese e consumatori) in Italia si aggira intorno ai 21 miliardi. Rispetto al complesso del mercato europeo, che ha una dimensione di 600 miliardi di euro, l’e-commerce italiano è pari ad appena il 3,6%.

Read more: L'e-commerce in Italia, tra ritardi e potenzialità

Mettere la Scuola al Lavoro

Che lavoro faranno i nostri figli? Non lo possiamo sapere perché quel lavoro non è stato ancora inventato, e molti giovani italiani, al contrario dei colleghi statunitensi che da bambini sanno già che cambieranno in media dai cinque ai sette lavori, sono ancora alla ricerca di uno spazio di comfort che gli possa garantire un impiego stabile.

Secondo la London School of Economics, invece, il 56 per cento dei lavori rischia di sparire in Italia entro due decenni. Per calcolarlo sono stati incrociati i dati sul mercato del lavoro europeo con gli studi sulla capacità evolutiva delle macchine.
 

Read more: Mettere la Scuola al Lavoro

Industria 4.0, manca un Piano per le PMI

Il 2016 si chiude con l’auspicio che il nuovo Governo a guida Gentiloni prosegua nel tentativo di implementare e diffondere l'Industria 4.0. E il primo nodo sono le PMI, di cui la maggior parte non ha interesse a investire in innovazione.

Al ministro Calenda va riconosciuto il merito di aver dato concretezza ad un progetto in fase di stallo, rimettendolo al centro dell’agenda industriale governativa. Tuttavia, è il Parlamento che per una volta è stato degno protagonista di quello che dovrebbe essere il suo ruolo, promuovendo l’automazione della nostra industria, studiandola, e favorendo un piano che il Governo ha poi sintetizzato con una serie di importanti provvedimenti nella legge di Bilancio 2017. 

Read more: Industria 4.0, manca un Piano per le PMI