Sidebar

 
Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Persian Portuguese Russian Spanish Turkish Ukrainian

Indice Pmi in frenata nell’Eurozona, a maggio è a 51,5

PMI manufatturiero

Campanello d’allarme dall’indice di fiducia dei responsabili degli acquisti del settore manufatturiero (Pmi) nell’Eurozona.

Il rallentamento del dato di maggio è ancora contenuto, da 51,7 a 51,5 (confermata, dunque, la stima preliminare), ma avvicina quella quota 50 che è considerata spartiacque tra crescita e contrazione. Confermando la sensazione che il vivace avvio del 2016 non trasmetterà effetti anche sul secondo trimestre.

Read more: Indice Pmi in frenata nell’Eurozona, a maggio è a 51,5

L'India è sempre di più la nuova Tigre asiatica

India

India sempre più nuova locomotiva d’oriente. Il trimestre gennaio-marzo, che chiude l’anno fiscale 2015-2016, ha fatto registrare un incremento del Pil del 7,9%, in ulteriore progresso rispetto al 7,2% del trimestre precedente e di oltre un punto superiore alla crescita cinese.

Con le esportazioni in contrazione, il risultato conseguito è tutto frutto di economia interna, con i consumi in aumento anche grazie al contenimento dei tassi di interesse.

Read more: L'India è sempre di più la nuova Tigre asiatica

Il punto della situazione sul Digital manufacturing

Nei prossimi cinque anni le aziende dei settori automotive e industrial equipment potrebbero spendere fino a 220 miliardi di euro in ricerca e sviluppo per la creazione di una “connected industrial workforce”. Ed entro il 2020 si passerà a una nuova fase del modello industriale, basato sull’integrazione uomo macchina.

Ne è convinto l’85% degli intervistati censiti rapporto “Machine dreams: Making the Most of the Connected Industrial Workforce” realizzato da Accenture su un campione di oltre 500 manager (fra Asia, Europa e Stati Uniti) coinvolti nella definizione di una strategia aziendale volta alla creazione una forza lavoro che si avvantaggia delle nuove tecnologie, a cominciare dalla robotica e dall’intelligenza artificiale, per lavorare in maniera più efficiente con le attrezzature industriali.
 
Read more: Il punto della situazione sul Digital manufacturing

Industry 4.0, l'Italia è già in enorme ritardo

Il 2016 sarà, forse, l’anno in cui verrà definito e reso pubblico il documento di posizionamento strategico del Governo dedicato al tema della digitalizzazione del manifatturiero. Se tale documento dev’essere il primo passo per recuperare un gap temporale enorme (parliamo di diversi anni) rispetto ai Paesi, Germania in primis, che rappresentano il riferimento competitivo per le nostre imprese, la strada da percorrere appare tremendamente in salita.

Perché le aspettative, per una svolta innovativa del tessuto industriale italiano, sono grandi e perché, al momento in cui scriviamo, la strategia Industry 4.0 è da mesi sul tavolo del Ministero dello Sviluppo Economico. O meglio, giace ancora in qualche cassetto.
 
Read more: Industry 4.0, l'Italia è già in enorme ritardo

Le opportunità dell'Internazionalizzazione

L’internazionalizzazione rappresenta, per ogni impresa di qualsiasi dimensione e settore, un aspetto a cui non è possibile sottrarsi e che può riservare grandi opportunità per mantenere o sviluppare livelli di competitività e di presenza sui diversi mercati.

Prima, però, di illustrare i vantaggi che derivano dalle opportunità offerte dall’internazionalizzazione, è importante sottolineare due condizioni fondamentali (errori da evitare) che l’imprenditore non dovrebbe mai sottovalutare ai fini del successo:

1. non considerare le esportazioni come un’attività episodica, senza destinare le necessarie risorse per il suo successo o, ancora, considerarla come occasione per superare difficoltà sul mercato domestico;
 
Read more: Le opportunità dell'Internazionalizzazione